Special offers


Recensioni certificate



Preventivi Call me back Corporate account MEPA

VoIP Voice Over IP Guida per scegliere e acquistare telefoni e centralino VoIP

 

Centralino VoIP IPPBX Panasonic NS1000

nell'immagine: Centralino VoIP - IP-PBX ibrido Panasonic NS1000

 

Cos’è il VoIP?
Il VoIP è l’acronimo di “Voice over Internet Protocol” (Voce attraverso Internet) . E' una tecnologia che permette di instradare una comunicazione voce attraverso una normale connessione internet a banda larga per risparmiare sui costi ed avere una connessione voce laddove esista una connessione di rete.

Cos'è il SIP Trunking?
Il SIP Trunking è una connessione telefonica esterna in arrivo da un ITSP , ovvero un internet telephony Service Provider, o fornitore di telefonia VoIP. Il SIP trunking si basa su linee voce che transitano sulla connessione IP e/o internet. Utilizza il protocollo standard SIP (session Initiation Protocol). E' in sostanza un collegamento telefonico che sfrutta il collegamento ad internet anzichè un circuito o linea fisica dedicati.
Può essere quindi definito un Sip trunking una linea telefonica VoIP SIP, ma anche una connessione tra due centralini telefonici di un'azienda, connessi attraverso interne/voip.

Cos'è il SIP Extension?

E' definito Sip extension (o estensione SIP o interno SIP), in un collegamento VoIP l'interno di un sistema telefonico IP privato.
Per "interno" intendiamo che non ci si avvale di un ITSP per avere questa risorsa.
In pratica è il centralino aziendale che lo genera, per collegarvi terminali IP SIP, tra i quali i telefoni fissi e cordless, softphones etc.
Un SIP extension può essere utilizzato anche e soprattutto per remotizzare derivati interni in postazioni remote, distribuite geograficamente e/o su tablets, dispositivi mobili e cellulari con connettività wifi e 3G.

giusta scelta del cnetralino voipNell'immagine: Schema operativo del centralino voip CEM ALLO Nano2

Cosa serve per attivare comunicazioni VoIP?

Esistono diverse configurazioni possibili. La più semplice e alla portata di tutti (nonché la più immediata ed economica) è quella in cui la comunicazione viene attivata tra PC collegati a internet.
Basta avere un collegamento internet preferibilmente con banda minima (MCR) adeguata al traffico voce ed un abbonamento ad un voip provider, skype o altro gestore IP. La periferica più indicata per uso del VoIp con softphone è cuffia per PC professionale. La cuffia consente di avere le mani libere e di mantenere una postura corretta. La cuffia può essere connessa sia alla scheda audio del PC che alla porta USB e ovviamente in bluetooth su dispositivi dotati di questa connettività. In alternativa al softphone gratuito su PC è possibile utilizzare anche telefoni VoIP (hardphone o voip phone). Se si utilizza un operatore che fornisce linee VoIP con protocollo standard SIP la gamma dei terminali (e dei centralini) disponibili è vastissima.

Telefoni fissi IP SIP

Telefoni cordless IP SIP

Il VoIP ha contribuito ad abbattere i costi sulle infrastrutture di reti di comunicazioni, ha ridotto i costi di investimento e di manutenzione dei sistemi telefonici e consente di realizzare comunicaizoni in modo unificato sia su dispositivi fissi che "mobile".
Basti pensare a telelavoratori, operatori di call center remotizzati in vari paesi del mondo per poter fornire chiamate telefoniche ai clienti con costi di una chiamata locale e con risposta in lingua.
Oppure all'interconnessione di varie sedi ubicate in vari paesi, o la possibilità di raggiungere con una chiamata "interna" (come se si chiamasse all'interno del proprio centralino) i collaboratori, gli agenti di vendita, il personale tecnico reperibile etc.
Con il gateway VoIP sarà possibile raggiungere persone e postazioni di lavoro ubicate all’esterno dell’azienda, ovunque nel mondo, a costo zero. Da non sottovalutare il vantaggio di mantenere le linee telefoniche libere, quando si utilizzano le linee VoIP.
Il gateway VoIP ha la funzione di adattare il collegamento IP al centralino tradizionale esistente.
Se si utilizza una piattaforma FULL IP ovvero un centralino telefonico IP e telefoni IP, non saranno necessari gli adattatori analogici (ATA) bensì, si utilizzeranno telefoni IP ovunque sarà disponibile una connessione dati IP (Ponte radio, fibra ottica, collegamento internet, mobile 3G, etc.) Per avere una buona qualità audio è necessario dimensionare la propria rete e la connettività, confrontando la quantità di canali voce simultanei con la capacità di "banda" del collegamento dati.
A titolo di esempio, ipotizziamo che ogni collegamento voce impegni almeno 32 Kbps per ogni conversazione. Quindi se il centralino VoIP stabilisce 10 connessioni contemporanee con l'esterno, la nostra connessione dati (es. internet) dovrà garantirci una banda minima di 320 Kbps "solo" per la voce.
Ecco perchè è bene dimensionare a dovere la banda del collegamento internet e, se necessario, dedicarne uno appositamente per le comunicazioni voce del centralino IP.

Alcuni vocaboli e acronimi che si incontrano nelle schede tecniche dei prodotti, nel manuale e nelle descrizione dei centralini VoIP.

  • SIP Session Initiation protocol

  • SIP Trunk Mode Permette la registrazione SIP verso un Provider SIP.

  • SIP Peer Mode Permette la registrazione utilizzando solo un indirizzo ip e la porta di comunicazione (5060 UDP di default).

  • SIP Register Permette ad un PBX o Telefono IP/SIP di registrarsi utilizzando uno specifico account (funzionalità simile ad un Service Provider)

  • SIP Extension: Derivato interno del centralino IP (accetta un dispositivo standard SIP)

  • SIP Trunk: linea esterna in protocollo standard SIP

  • H323 (dati, voce e video su rete a commutazione di pacchetto)

  • MGCP Media Gateway Control Protocol.

  • IAX IAX2 (Inter Asterisk eXchange protocol). Sfrutta asterisk server

  • SCCP Skinny Client Control Protocol, protocollo proprietario della Cisco

  • MiNET, protocollo proprietario Mitel

  • T.38 Protocollo per invio e ricezione di fax su VoIP.

  • VPN Virtual Private Network, per realizzare una sorta di estensione della rete locale, attraverso collegamento dati - IP, richiede routers predisposti.

  • SIP phone - VoIP phone Telefono VoIP

  • IPPBX - Centralino VoIP che supporta linee e derivati in tecnologia VoIP.

  • CODEC Sistema di compressione della voce (codifica e decodifica) per la miglior gestione di qualità e banda internet occupata per le conversazioni su IP.

  • Cancellazione di eco echo cancellation, sistema di riduzione dell'eco

  • STUN Session Traversal Utilities forNetwork Address Translators, protocollo di un insieme di funzioni in struttura client server, consente alle applicazioni sulla rete / PC, di rilevare la presenza di NAT e firewall e di identificare- identificarsi per gli accessi.

  • NAT Network Address Translation, traduzione indirizzi di rete, consente di modificare indirizzi IP nella comunicazione tra 2 host (attraverso router).

  • API: Application Program interface, è un insieme di procedure disponibile al programmatore (librerie) per la programmazione di applicazioni software che devono dialogare con applicativi di terze parti. E' di fatto uno standard (linguaggio/libreria).

  • CLIR (Calling Line Identification Restriction) disabilitazione dell’ invio del proprio numero in uscita

  • DISA (Direct Inward System Access) Un chiamante esterno può accedere alle funzioni interne del PBX dalle linee urbane digitando un codice speciale. Vedere anche https://www.ezdirect.it/guide/8-centralini-funzioni

  • DID (Direct inward dialing anche chiamato DDI direct dial-in). Permette di inoltrare la chiamata in ingresso direttamente ad un determinato interno/gruppo d’interni in base al numero esterno chiamato

  • DOD (Direct Outward Dialing Number) Permette ai vari interni telefonici di chiamare all’esterno mostrando il Numero DOD associato (utilizzabile solo su linee ISDN e SIP se previsto dall’operatore telefonico o ISP).

  • DNIS: (Dialed Number Identification Service) permette di inviare sul display del telefono ( se compatibile ) dell’agente che risponde alla chiamata in arrivo anche il nome ( o altra etichetta testuale ) della linea chiamata configurata sul PBX.

  • DDNS ( Dynamic DNS ) DNS Dinamico. Il DNS Dinamico è una tecnologia che permette ad un nome DNS in Internet di essere sempre associato all'indirizzo IP pubblico di uno stesso host, anche se l'indirizzo cambia nel tempo.

  • SSH (Secure Shell) è un protocollo di rete via TCP che permette di stabilire una sessione remota cifrata tramite interfaccia a riga di comando con un altro host di una rete informatica : Viene utilizzato in asterisk per la gestione del centralino tramite l’ interfaccia di console.

  • SSL (Secure Sockets Layer) è un protocollo crittografico che permette a due clients di comunicare in modo sicuro, cioè, in modo che ognuno dei due possa determinare il mittente e il destinatario dei messaggi diretti all'altro. E’ il predecessore del protocollo TLS.

  • SRTP ( Secure RTP ) Criptazione dei pacchetti RTP per aumentare la sicurezza del flusso audio.

  • IP Blacklist: i centralini VoIP o i GSM VoIP gateway più evoluti riconoscono e bloccano gli indirizzi IP di hacker e/o per accessi non autorizzati.

  • Firewall: IPPBX come yeastar integrano un firewall per proteggere l'accesso fraudolento al sistema

  • CDR Call Detail Report: Lista delle chiamate effettuate dagli interni del centralino voip.

  • Fax To Email: I fax in ingresso sono inoltrati in una casella E-mail in formato immagine

  • Riconoscimento fax automatico: Il sistema riconosce il fax in arrivo e lo smista all'interno su cui è collegato il terminale fax (alcuni sistemi aggiungono a questa funzione anche l'inoltro in e-mail evitando la stampa su carta).

  • Remotizzazione: Utilizzare telefoni software o hardware in sedi diverse, su tablet, palmari o sedi geograficamente distribuite, sfruttando la connessione IP (XDSL, wifi, 4G 4G...)

  • Satellizzazione: Realizzazione di un network di sistemi IP (centralini VoIP) in varie sedi, con la possibilità di condividere tutte le risorse dei vari sistemi nelle altre sedi. Le chiamate tra le sedi sono "interne" senza impegno di linee esterne. E' possibile sfruttare le linee di una sede principale (Es PRI ISDN, GSM, videocitofono etc) e trasferirle tra le sedi, come se i derivati facessero parte di un solo sistema.

  • Ridondanza: Possibilità di installare un sistema gemello, che entri in funzione in caso di guasto critico del sistema principale (ideale in ambiente critico come pubblica sicurezza, emergenza, cliniche, vigilanza etc)

  • Autoprovisioning: I telefoni dotati di questa funzione, identificano automaticamente con il sistema, una volta collegati alla rete e riducono i tempi di installazione. (Ideale in installazioni con molti telefoni IP interni).

  • QoS Quality of Service Funzione che permette al sistema VoIP di gestire i pacchetti voce con priorità rispetto ai pacchetti dati, onde fornire la miglior qualità alla voce, riducendo al minimo i problemi legati alla latenza.

  • Softphone telefono software attivabile su tablet, smartphone, PC desktop notebook etc. Per i softphone su tablet e smartphone sono disponibili sia licenze gratuite con poche funzioni (garantita chiamata e risposta), sia licenze evolute a pagamento con funzioni integrate con il sistema, quali rubrica, conferenze, codec per riduzione della banda dati, videocomunicazione etc.

  • BLF (Busy Lamp Field) Sistema di luci o indicatori luminosi su un telefono che indica lo stato degli altri telefoni collegati alla stesso PBX.

  • ACD (Automatic Call Distribution) Distribuzione automatica della chiamate in arrivo. Vedere https://www.ezdirect.it/guide/8-centralini-funzioni

  • MWI (Message Waiting Indicator) Segnale audio o visivo che indica la presenza di un nuovo messaggio vocale o di un altro tipo di messaggio.

  • PPPoE (Point-to-Point Protocol over Ethernet) Protocollo di rete punto a punto operante su Ethernet che permette l’incapsulemento dei frame PPP in frame Ethernet

  • OpenVPN Software con licenza GPL per creare VPN. È usato per creare tunnel crittografati punto-punto fra i dispositivi IP ( computer,server, PBX, etc). Permette agli host di autenticarsi l'uno con l'altro per mezzo di chiavi private condivise, certificati digitali o credenziali utente/password.

  • VLAN (Virtual LAN) indica un insieme di tecnologie che permettono di segmentare il dominio di broadcast, che si crea in una rete locale basata su Switch.

  • QOS (Quality of Service) indica i parametri usati per caratterizzare la qualità del servizio offerto dalla rete (ad esempio perdita di pacchetti, ritardo), o gli strumenti o tecniche per ottenere una qualità di servizio desiderata.

  • TOS ( Type of Service ) specifica la priorità di un datagramma e la richiesta per un indirizzamento con basso ritardo, con un elevato throughput o con un servizio di alta affidabilità. A seconda dei valori di TOS un pacchetto potrebbe essere posto in una coda d'uscita con alta priorità,[4] o seguire un instradamento con la latenza, il throughput e l'affidabilita appropriata per la richiesta.

  • NAT Traversal è un protocollo di rete per fornire la possibilità di stabilire un tunnel IPSEC anche quando uno dei due peer coinvolti nella connessione subisce un'operazione di NAT per raggiungere l'altra entità coinvolta nella comunicazione.

  • RTP (Real-time Transport Protocol) è un protocollo del livello applicazioni utilizzato per servizi di comunicazione in tempo reale su Internet. I pacchetti RTP trasportano la voce in una comunicazione VoIP. Sono pacchetti di tipo UDP.

  • TLS (Transport Layer Security ) protocollo di rete che permette una comunicazione sicura dal sorgente al destinatario (end-to-end) su reti TCP/IP (come ad esempio Internet) fornendo autenticazione,integrità dei dati e cifratura operando al di sopra del livello di trasporto.

  • TFTP (Trivial File Transfer Protocol) è un protocollo di trasferimento file con le funzionalità di base del FTP . Sui PBX viene utilizzato solitamente per gli aggiornamenti firmware, gestire la funzionalità di Provisioning o per altre applicazioni.

  • NTP (Network Time Protocol) Serve per sincronizzare l’orologio del dispositivo in questione con uno dei server pubblici ( ese ntp1.inrim.it ) disponibili

  • IMSI (International Mobile Subscriber Identity - identità internazionale di utente di telefonia mobile). Si tratta di un numero univoco che viene associato a tutti gli utenti di telefonia mobile di reti GSM o UMTS.

  • IMEI (International Mobile Equipment Identity ) è un codice numerico che identifica univocamente un terminale mobile (Mobile Equipment), che può essere un telefono cellulare o un modem che sfrutti la tecnologia cellulare GSM GPRS EDGE UMTS HSDPA/HSUPA LTE.

  • USSD (Unstructured Supplementary Service Data) è una funzione presente in tutti i telefoni GSM. È solitamente associato con i servizi real-time o di messaggistica istantanea. Non c'è solitamente capacità di archiviazione di questi messaggi, tipici dei normali sistemi di messaggistica. E’ utilizzato per Navigazione WAP, servizio di richiamata prepagata etc.

  • PoE (Power over Ethernet ) è una tecnica che permette di alimentare apparecchiature utilizzando lo stesso cavo che le collega alla rete dati Ethernet. Gli standard POE sono IEEE 802.3af e, successivamente, 802.3at.

  • PROVISIONING (Approvvigionamento) permette ai dispositivi supportati di acquisire in automatico al loro startup la configurazione rilasciata dal PBX quale numero d’ interno, nome associato etc.

I codecs VoIP

I codecs audio indicano quali e quanti tipi di codifiche audio supporta il telefono IP.
I diversi Codec indicano ognuno il livello di compressione e la banda necessaria (bit rate). Ovviamente più alta è la qualità più risorse in termini di banda e di risorse (es CPU) richiedono.

I principali codecs utilizzati nelle comunicazioni IP

Codec Standard Descrizione

Bit rate Kbp/s

Sampling rate KHz
G.711 ITU-T PCM - Pulse code modulation 64 8
G.711.1 ITU-T PCM - Pulse code modulation 89 - 96 8
G.721 ITU-T ADPCM (Adaptive differential pulse code modulation) 32 8
G.722 ITU-T Banda larga audio (wideband) fino a 7 kHz 64 16

G.722.1

ITU-T

Wideband con codifica a 24 e 32 Kbit/s

24 - 32

16

G.722.2

 

ITU-T

 

Adaptive multi rate wideband codec (AMRWB)

 

12,85 23,05 19,85 18,25 15,85 14,25 12,65 8,85 6,6

16

G.723 ITU-T

Migliora il codec G.721 grazie a due bit rate, DPCM, migliorata dalla G.726

24 - 40 8
G.723.1 ITU-T Due velocità , ideale per comunciazioni multimediali 5,6 6,3 8
G.726 ITU-T ADPCM , milgiora G.721 e G.723 16 24 32 40 8
G.729 ITU-T Coding of speech at 8 kbit/s using conjugate-structure algebraic-code-excited linear-prediction (CS-ACELP) 8 8
G.729.1 ITU-T Migliorata la codifica G.729 con più bit rate 26 28 30 32 8
GSM ETSI RPE-LTP Regular­Pulse Excitation Long­Term Predictor 13 8
iLBC   Cocec voce in banda base "free", significa Internet Low Bit Rate, usato anche da da google talk, yahoo messenge,r polycom... Basaa qualità audio e poca banda richiesta. 8 13,3
SILK Skype Super wideband audio codec - proprietà skype da 6 a 40 variabile

Benefici e rischi del VoIP

I benefici sono ormai arcinoti, riduzione dei costi di gestione, sfruttamento dei collegamenti di rete LAN WAN etc. Banalizzazione dei terminali grazie all'interoperabilità dello standard SIP, integrazione con dispositivi mobili, quindi più mobilità, minori costi di gestione, semplicità di gestione della manutenzione e ampliamenti...

I rischi sono meno conosciuti e rientrano nel campo della sicurezza informatica.

Uno dei più rilevanti è la possibilità che, attraverso un attacco alla propria rete dall'esterno, si possano impegnare le linee telefoniche ed effettuare chiamate, solitamente in teleselezione internazionale o verso cellulari. Questo abuso comporta un costo indesiderato e anche qualche rischio correlato più serio.

E' bene ricordare che le linee IP sono gestite da un ISP (Internet Service Provider) quindi attraverso l'indirizzo IP della vostra connessione anche la vostra azienda è raggiungibile (a livello di collegamento dati). E' necessario proteggere la propria azienda da hacker e accessi dall'esterno indesiderati e indesiderabili. Un buon firewall (impostato a dovere) e password modificate di frequente sono un primo importante baluardo di difesa.

In seconda battuta, il centralino VoIP deve essere protetto da abusi, in quanto chiamando un centralino (anche tradizionale), con servizio messaggistica DISA attivo, è "anche" posssibile abusare delle linee telefoniche fisse e gsm collegate al centralino.

Una importante valutazione preventiva, sta nella gestione del traffico voce/dati sulla propria rete. La voce richiede una qualità di servizio superiore al traffico dati e se non si desidera rischiare un rallentamento della rete o peggio ancora, una qualità della voce inaccettabile, è d'obbligo fare verifiche preliminari per valutare l'efficienza degli apparati di rete (switch router etc). Quindi se la rete LAN è condivisa per voce e dati, suggeriamo degli switch con management che riescono a gestire le priorità tra i pacchetti voce e dati (a favore della voce). Nel caso si utilizzino dei PC con scheda di rete da 1 GB, preferire una rete LAN (a livello di cablaggio - cavi - prese ) in categoria 6 o superiore e telefoni VoIP con 2 porte ethernet GB (Gigabit).

Alcuni consigli per sfruttare la tecnologia VoIP

Il VoIP per avere il proprio telefono interno aziendale, a portata di mano, ovunque

Per attivare un interno VoIP, derivato da un centralino voip aziendale, è necessario avere un terminale che possa installare un softphone VoIP SIP (molti gratuiti anche nelle sezioni Apps Android o Iphone, Ipad, Ipod etc, tra i più diffusi segnaliamo BRIA di Counterpath e Media5 di Mediatrix).

Il centralino VoIP ( IPPBX) non ha bisogno di un collegamento fisico, ma di un collegamento IP quindi, ovunque ci sia disponibilità di connettività dati potrai avere un telefono IP o un telefono software, quindi anche sul palmare (sotto copertura wifi o 3G). Una volta impostato il softphone con i parametri del sistema telefonico, potrai fare e ricevere chiamate, trasferirle, proprio come se tu fossi in ufficio. Potrai chiamare gli interni dei tuoi colleghi, passare loro delle chiamate, ascoltare il voice mail, ricevere chiamate deviate dal tuo interno fisso in ufficio etc... Questo si traduce in azzeramento dei costi di chiamata, reperibilità e nessuna perdita di contatti e opportunità di business.

Alcuni centralini VoIPBria softphone per iphone tablet ipad

 

Se la piattaforma di comunicazione ed il dispositivo utilizzato lo consentono, è ovviamente possibile effettuare anche videochiamate in VoIP, così come consentono le soluzioni Skype, Microsoft Ms Lync etc.)

Il più diffuso nelle grandi aziende è Microsoft Lync, e proprio per questa piattaforma trovi nel nostro catalogo, molti prodotti ottimizzati e certificati per un'ottima interoperabilità.

Cuffie con filo Cuffie senza filo Auricolari Telefoni USB Viva voce per conferenze

 

A cura di Ezdirect www.ezdirect.it

 

 

Il copyright dell'intero contenuto di questo sito è di proprietà di Ezdirect srl , l'utente è autorizzato a utilizzare documenti, testi audio immagini e video presenti sul sito per visualizzazione, stampa e comunque per uso strettamente personale e non commerciale. E' vietato riprodurre, vendere pubblicare e concedere in licenza o trasferire il contenuto. Ad eccezione di quanto concesso dalla legge sul copyright, vietato sfruttare i contenuti senza il consenso di Ezdirect srl. E' vietato utilizzare e pubblicare su altri siti web o su altri documenti informatici - elettronici, detto materiale.


Live help desk