Speakerphone: i criteri per sceglierlo

di | 6 Dicembre 2019

Scegliere lo speakerphone giusto per ottenere il massimo della qualità dalle audio conferenze è un must per tutti quegli imprenditori che desiderano portare le riunioni ad un nuovo livello. Questo semplice strumento (spesso portatile) può fare la differenza, ma per identificare il modello più adatto alle proprie esigenze è fondamentale tenere conto di alcuni parametri.

 

Cos’è lo speakerphone e a cosa serve

Lo speakerphone è un dispositivo che permette l’ascolto in vivavoce di interlocutori fuori sede o ubicati in altre aree dell’azienda, che interloquiscono con i presenti tramite una telefonata classica o via VoIP.

Può essere collegato direttamente ad un telefono (predisposto con porta USB o bluetooth) ma anche a dispositivi mobili e laptop ed è in grado di amplificare il segnale audio in uscita, rendendolo udibile chiaramente a tutti i presenti.

Si tratta di una soluzione semplice per effettuare audio conferenze chiare con un numero di partecipanti che può variare in base ad alcuni fattori (gli stessi che determinano la scelta del modello più consono).

 

Prima di scegliere lo speakerphone

Il mercato è pieno di modelli di speakerphone dotati di tantissime funzionalità differenti, per questo trovare il più idoneo non è mai un’impresa facile. La prima cosa di cui tenere conto (a cui molte persone non pensano) sono le caratteristiche della stanza in cui si desidera effettuare la riunione.

L’ambiente è infatti uno dei fattori più incisivi sulla qualità dell’audio emessa dallo speakephone, per questo è fondamentale prendere in considerazione parametri quali: le dimensioni della stanza, il coefficiente di riflessione dell’eco e il numero di persone che prenderanno parte alla conferenza.

A questo si deve aggiungere il metodo con cui si intende collegare lo speakerphone ai vari dispositivi. Le soluzioni più comuni prevedono il collegamento via cavo USB, tramite wireless, bluetooth o (per i sistemi più avanzati) anche l’interfacciamento diretto con linee VoIP.

 

Lo speakerphone giusto in base alla stanza

Questi dispositivi audio sono solitamente dotati di un diffusore e microfoni con audio in HD, capaci di trasmettere il suono in un ampio raggio intorno al dispositivo, senza che si perda in qualità. Lo speakerphone singolo è quindi fra le scelte più comuni per sale riunioni di piccole dimensioni con un massimo di 3-6 partecipanti (speak 410, Speak 510, Sennheiser SP30 Yealink CP920 etc)

Se l’ascolto deve avvenire in una sala conferenze dalla metratura piuttosto ampia e le persone coinvolte nell’ascolto superano le 6 unità, è consigliabile prediligere una soluzione tecnologicamente più avanzata come il sistema IP multiuso come Yealink CP960 o speakerphone espandibili come Speak 710 Jabra

Nella specifica esigenza di una grande sala riunioni, una soluzione ottimale è lo Yealink CP960. Questo speakerphone è caratterizzato dalla possibilità di associare al sistema di base fino a 2 microfoni aggiuntivi oppure di collegare fino a 3 dispositivi CP960 (star connection).

Nel caso di sale conferenze di grandi dimensioni con decine  di persone o sale consiliari,  lo speakerphone comincia a diventare una soluzione difficile da integrare, conviene quindi passare ad alternative più professionali come sistemi di audio conferenza avanzati per centro congressi o pubbliche amministrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.